UNA MONTAGNA AL D.O.P.
News
06/05/06 - IMPORTANTI DECISIONI ALL'ASSEMBLEA DEI SOCI
I soci hanno approvato il nuovo Statuto e le modifiche al disciplinare del Bitto

Venerdì sera, presso la sede del Consorzio per la Tutela dei Formaggi Valtellina Casera e Bitto a Sondrio, si sono riuniti in assemblea ordinaria e straordinaria i soci per deliberare in merito al bilancio dell'anno 2005, al nuovo Statuto e alle modifiche al disciplinare del Bitto.
La seduta si è aperta con la relazione del presidente Adriano Zamboni sull'attività svolta dal CTCB nel corso dell'anno 2005 di cui si allega copia. E' seguita la lettura del bilancio dell'esercizio 2005 approvato all'unanimità.
Un 'punto caldo' dell'assemblea è stato quello relativo all'approvazione del nuovo Statuto, concordato con il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali per il riconoscimento del Consorzio di Tutela ai sensi del Decreto del MIPAF del 4 maggio 2005. In questo modo il CTCB può continuare a tutelare entrambi i formaggi DOP (Valtellina Casera e Bitto) chiedendo il riconoscimento ufficiale al Ministero. E' un caso unico in Italia nel settore formaggi (esistono altri tre casi in produzioni differenti) dal momento che in genere per ciascun prodotto DOP esiste un corrispondente ente di tutela. Questo permetterà al Consorzio di mantenere il binomio Valtellina Casera - Bitto, fortemente voluto e che grazie a questo decreto potrà continuare ad esistere e a rafforzarsi.
Altro punto caldo è stato quello relativo alle modifiche al disciplinare del Bitto, inserite in seguito all'incontro tenutosi a Roma presso il Ministero delle Politiche Agricole il 3 marzo 2006, alla presenza dei rappresentanti del CTCB, dell'Associazione Valli del Bitto, del dirigente ministeriale dr.ssa La Torre e con il supporto tecnico del funzionario della Regione Lombardia.
Il Consorzio ha accettato le proposte concordate in quella sede che prevedono l'utilizzo di un marchio aggiuntivo per quei produttori che scelgono di adottare alcune restrizioni che da sempre contraddistinguono la produzione dei formaggi delle Valli del Bitto. In questo modo il Consorzio vuole garantire a tutti i produttori che caricano gli alpeggi della zona di produzione e che decidono di seguire tali restrizioni la possibilità di diversificare il loro prodotto. Il Bitto così prodotto sarà identificato anche con il marchio aggiuntivo riportante il nome dell'alpeggio di provenienza.
Il Consorzio comunicherà al Ministero l'accettazione del disciplinare concordato e per la sua attuazione si attende la risposta da parte dell'Associazione Valli del Bitto.
Il Consorzio ritiene in tal modo di aver fatto proprie le esigenze dei produttori storici compatibilmente ai regolamenti attualmente in vigore e alle indicazioni ministeriali.
_______________________________
Dr.ssa Chiara Moroni
Ufficio stampa
CONSORZIO DI TUTELA FORMAGGI VALTELLINA CASERA E BITTO | Via Bormio, 26 | 23100 Sondrio | www.ctcb.it
e-mail: ufficiostampa@ctcb.it

DOP

Valid HTML 4.01 Transitional
CSS Valido!